Fortuna impegno determinazione Appunti di Marzo

APPUNTI DI MARZO – LA FORTUNA NON C’ENTRA

In questi appunti parliamo di fortuna ma anche di impegno, di coraggio, di passione e determinazione. Tutto ciò che serve per realizzare i sogni.

Che valore date alla fortuna nel raggiungimento del successo, che sia vostro o degli altri?

Mi ritengo una persona con una quasi totale incapacità di provare invidia nei confronti del prossimo; quando vedo qualcuno che ha successo in qualcosa io provo gioia se il suo obiettivo non è qualcosa che desidero anche io, altrimenti provo sincera ammirazione. Fate attenzione perché sto parlando di invidia e non di gelosia. Semplificando molto, la gelosia è una reazione alla percezione che un’importante relazione interpersonale (sentimentale, familiare o di amicizia) o un oggetto siano minacciati da altri.

L’invidia invece ha a che fare con i valori e l’immagine che abbiamo di noi stessi e alla base ci sono sentimenti di mancanza, rivalità o senso di inferiorità. Ciò che la fa scattare è il bisogno di possesso di un bene, di una qualità o di una condizione che porta a un confronto tra il soggetto, frustrato nel suo desiderio, e chi invece possiede l’oggetto di tale desiderio.

Spesso è associata a emozioni come rabbia, disprezzo, insicurezza e può portare a compiere azioni aggressive con lo scopo di danneggiare la persona oggetto dell’invidia, non solo con atti materiali ma magari svalutandone le qualità. In alternativa può portare a un atteggiamento passivo; si rinuncia a lottare per ciò che si desidera, ci si rassegna alla propria condizione e si cade nell’autocommiserazione.

La prossima volta che starete per dire “quella persona è stata fortunata” o “io sono una persona sfortunata” fermatevi e pensate a queste parole.

Fortuna impegno determinazione Appunti di Marzo

Se ci pensate bene, tutti noi siamo fortunati; io che sono qui a scrivere dal mio portatile, comoda e al caldo in una serata di metà inverno e voi che mi state leggendo dal computer o dal vostro smartphone, magari l’ultimo costosissimo modello. Siamo nati nella parte fortunata del mondo, quella che ha le risorse e che quando non le possiede ha i mezzi per andarle a prendere altrove, quella in cui è mediamente garantito un livello medio di istruzione e dove è possibile accedere all’università anche pubblica e con agevolazioni in base alle proprie possibilità economiche.

Quella che non vive la guerra entro i propri confini. Quella che si pone il problema di eliminare l’utilizzo di bottiglie di plastica ma che invece non ha il problema di reperire l’acqua, quella con persone che si possono permettere il lusso di pensare a una vacanza a migliaia di chilometri di distanza in aereo e che invece non devono affrontare un viaggio su mezzi di fortuna per salvarsi la vita.

Accertato questo aspetto, ci sono persone che nascono più fortunate di altre a livello di predisposizioni genetiche o di condizioni sociali ed economiche di appartenenza. Ma se nella vita il punto di partenza deve necessariamente segnare quello di arrivo, allora non vale la pena neanche provare a migliorare. Non dobbiamo necessariamente accontentarci di ciò che la vita vuole darci. Possiamo provare a migliorarci.

Pensate che le persone che oggi conosciamo come di successo siano tutte nate in famiglie agiate, abbiano conseguito lauree, master e specializzazioni in costose università private, abbiano frequentato fin da piccole le persone giuste e abbiano avuto i contatti per arrivare dove sono ora?

Fortuna impegno determinazione Appunti di Marzo

Samantha Cristoforetti, per citarne una italiana e donna, durante le scuole superiori ha trascorso un anno a studiare in Usa e grazie alla lungimiranza dei genitori ha frequentato lo Space Camp (ve ne ho parlato nel post sui luoghi Usa legati alla Luna e allo spazio). Ecco, lei è il secondo alunno diventato poi astronauta.

La sua fortuna è stata avere dei genitori che l’hanno spinta non solo a realizzare i suoi sogni ma ad averne di grandi, enormi. Stessa cosa con il fratello, informatico per Google negli Stati Uniti. Tornando a Samantha, la laurea in Ingegneria conseguita in Germania e quella in Scienze Aeronautiche, il titolo di Ufficiale dell’Aeronautica e di astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea come prima donna italiana (selezionata tra i sei migliori su 8500 candidati) sono tutte cose che ha raggiunto grazie a una serie di colpi di fortuna? Dimenticavo, conosce anche cinque lingue oltre all’italiano.

Senza arrivare a casi eccellenti come questo, capite bene che in fondo la fortuna non c’entra. Servono impegno, costanza, determinazione, forza di volontà, passione e coraggio. I grandi atleti spesso hanno doti naturali dalla nascita e questo rappresenta la loro fortuna, anche se in realtà si tratta di genetica e non di buona sorte; ma loro hanno anche la forza e il coraggio di provare a fare qualcosa meglio degli altri e di superare i propri limiti, oltre ad essere costanti nel continuare a farlo. 

Anche per la soubrette di turno che sculetta in televisione, una di quelle messe lì per la bellezza e non per particolari capacità o talenti; sarà nata con la fortuna di essere alta, con gambe lunghe, fisico tendenzialmente snello e la predisposizione genetica a restarlo più facilmente di altri ma state certi che non passa le giornate sul divano a guardare la televisione con un sacchetto di patatine fritte in mano. Si allena quotidianamente, si prende cura del suo corpo e della sua pelle anche attraverso una sana alimentazione.

Fortuna impegno determinazione Appunti di Marzo

Parliamo per un attimo di me. Pur non essendo particolarmente sovrappeso non sono certo alta e snella; non ho una genetica fortunata che mi consente di restare in forma senza troppi sforzi. Da quattro mesi seguo un’alimentazione equilibrata e mi alleno duramente 3-4 volte a settimana (qui ti racconto tutto). Non è facile e a volte davvero non è divertente, serve molto tempo e devo conciliare questo con altri impegni. E spesso la sera o nei weekend sono troppo stanca per andare in giro e magari devo finire quel lavoro che non sono riuscita a concludere in settimana.

Non è facile privarsi del piacere di un buon dolce (comunque non lo faccio, limito solo la quantità e la frequenza) e non sempre è semplice incastrare tutto per non saltare l’allenamento. Ci sono persone che hanno meno impegni e impedimenti di me perché magari hanno la palestra sotto casa o hanno il fidanzato personal trainer, ad esempio. Altre persone hanno più difficoltà e impegni di me ma ci riescono comunque. Certamente è più facile abbandonarsi alla golosità e alla pigrizia, per poi provare disagio davanti a chi è più determinato di noi; io oggi provo solo ammirazione.

Quando sarò in forma come non sono mai stata nella vita potrò dire che è stato possibile solo grazie al mio impegno. In minima parte sarà anche merito di mio marito che mi ha sostenuta e del mio trainer che mi ha seguita e indirizzata in maniera perfetta e che mi ha spinta a superare i limiti che credevo di avere ma che invece scopro essere ogni volta solo nella mia testa.

Fortuna impegno determinazione Appunti di Marzo

Gli altri non fanno meno fatica di noi a raggiungere obiettivi e non è vero che ci riescono perché sono più fortunati. Se ci convinciamo che questo sia un fattore più importante dell’impegno allora non abbiamo capito niente; non credere nello sforzo e in quello che facciamo ogni giorno per rendere reali i nostri sogni ci rende persone che non si sono realizzate come desideravano.

In fondo se ciò che conta è solo la fortuna e noi non arriviamo dove vorremmo allora è colpa della malasorte, non nostra. È inutile impegnarsi al massimo e dare tutto, tanto non ci andrà mai bene. Ma sapete che c’è? Se partite con questa idea o non partite neppure è la stessa cosa e allora non vincerete mai e starete solo a guardare gli altri.

Se invece ci state provando e avete bisogno di una spinta in più, ci sono le mie grafiche wall art motivazionali di marzo da scaricare gratuitamente, stampare e tenere sempre sott’occhio. Trovate tutte le altre nella sezione Free Printables.

Chi sono
Erica Ventura, fondatrice di StyleNotes.it, web writer, editor e blogger Amo il bello e provo a circondarmene in ogni aspetto della mia vita. Credo fermamente nell’utilità delle liste e che il mix vincente in ogni cosa sia composto da semplicità, equilibrio e un piccolo dettaglio a contrasto. La mia casa, il mio guardaroba e quel che metto nel piatto ne sono la conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *