PESTO DI RUCOLA E MANDORLE – PERCHE’ LE RICETTE MIGLIORI SPESSO NASCONO DAL RICICLO

Fino a una decina di anni fa io non mangiavo insalata, di nessun tipo. Avevo provato ad assaggiarne un tipo nella dimensione di un francobollo e ho concluso che non aveva sapore. Oggi la penso ancora così, in parte, per alcune tipologie, ma con il tempo il mio rapporto con l’insalata è migliorato fino ad averne addirittura una preferita.

La rucola, dal sapore amarognolo e dalle foglie piccole, ha subito attirato l’attenzione; a molti non piace e spesso viene consumata esclusivamente in minima parte in un mix con altre tipologie, ma io la amo proprio per il suo essere diversa, particolare e con un sapore ben definito.

Essendo così tenera è inevitabilmente anche delicata, cosa che si traduce nella difficoltà di conservarla per più di un paio di giorni. Ed essendo venduta in mazzetti o confezionata in discrete quantità è davvero difficile riuscire a consumarla tutta prima che la sua consistenza, il suo colore e il suo sapore cambino. Così, dall’esigenza di utilizzare una bella ciotola di rucola senza sprechi, è nato questo condimento per pasta.

Con il tempo ho messo a punto la ricetta provando diversi ingredienti, mentre per le dosi vado sempre a occhio e secondo il mio gusto. Per ottenere questo pesto particolarissimo e davvero gustoso utilizzo rucola (in questo caso ho utilizzato quella che mi ha fornito OrtoRomi da provare), mandorle e del Grana Padano. La ricetta è molto semplice e la spiego qui di seguito.

[yumprint-recipe id=’12’]

Chi sono
Erica Ventura, fondatrice di StyleNotes.it, web writer, editor e blogger Amo il bello e provo a circondarmene in ogni aspetto della mia vita. Credo fermamente nell’utilità delle liste e che il mix vincente in ogni cosa sia composto da semplicità, equilibrio e un piccolo dettaglio a contrasto. La mia casa, il mio guardaroba e quel che metto nel piatto ne sono la conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *