BOCCONCINI DI FIORI DI ZUCCHINA CON FETA AROMATIZZATA ALLA MAGGIORANA FRESCA

Vi ho parlato qui di orti in terrazza, in balcone o comunque in vaso; mi interessava l’argomento, al di là dell’aspetto decorativo, anche perchè io stessa ho allestito una zona del mio terrazzo ad orto. Quest’anno per la prima volta ho aggiunto alle fragole e alla già abbondante produzione di piante aromatiche (basilico verde e viola, maggiorana, timo, salvia, rosmarino, finocchietto) anche alcuni ortaggi come pomodori datterino, Pachino e zucchine. La coltivazione in vaso non ha creato problemi ai pomodori, che crescono in quantità, ma alle zucchine che non hanno abbastanza spazio per svilupparsi a dovere; in compenso di tanto in tanto fioriscono un paio di fiori maschili ma essendo troppo pochi per una frittura ho deciso di sperimentare una ricetta nuova.

Da qualche parte sul web ne ho letta una che prevedeva un ripieno con prosciutto crudo e scamorza mentre io ho scelto qualcosa di più leggero, estivo e dai sapori più delicati. Essendo fiori molto piccoli la quantità di ripieno è veramente minima (tipo metà patata piccola e un cubetto di feta); se i vostri sono più grandi e capienti potete regolarvi ad occhio. Per quanto riguarda il tempo di cottura, per i miei sono bastati dieci minuti scarsi, di cui metà in forno modalità ventilato e metà con il grill per ottenere una leggera doratura. Per fiori di dimensioni normali dovrebbero comunque bastare quindici o venti minuti per rosolare, visto che il ripieno è già cotto. Ecco la mia ricetta per i “Bocconcini di fiori di zucchina con feta aromatizzata alla maggiorana fresca“, perfetti come secondo piatto vegetariano o anche come finger food per la versione mignon come i miei.

[yumprint-recipe id=’9′]

Chi sono
Erica Ventura, fondatrice di StyleNotes.it, web writer, editor e blogger Amo il bello e provo a circondarmene in ogni aspetto della mia vita. Credo fermamente nell’utilità delle liste e che il mix vincente in ogni cosa sia composto da semplicità, equilibrio e un piccolo dettaglio a contrasto. La mia casa, il mio guardaroba e quel che metto nel piatto ne sono la conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *