P/E 2012 – LUISA BECCARIA SFILA A BRERA

Lungo il loggiato della prestigiosa Pinacoteca di Brera, all’interno di una straordinaria cornice fatta di colonne, archi e capitelli scolpiti, correva la passerella allestita per la collezione di Luisa Beccaria.

Per la primavera-estate 2012 ha evocato l’atmosfera di un viaggio nell’Europa mediterranea, tra isole lambite dal mare cristallino all’inestimabile patrimonio artistico italiano, dalle immagini impressioniste della campagna provenzale alle coste della penisola iberica. Colori e profumi di questi luoghi, tra Grecia, Sicilia, Francia e Spagna, dialogano in perfetta armonia.

Il giorno vede silhouette affusolate, abiti freschi, ricercati intagli e preziosi ricami per mini abiti, giacche, shorts e chemisier in lino, chiffon e tulle; poi stampe floreali su tessuti impalpabili e ispirate ai quadri di Botticelli. La sera è fatta di una femminilità e sensualità delicata, tra abiti leggeri e raffinati, pensati per un cocktail sulla spiaggia come per un party più elegante, arricchiti da sovrapposizioni di organza e tulle.

La palette cromatica segue idealmente questo viaggio nel Mediterraneo, con i blu e gli azzurri del mare, il bianco della spuma delle onde, l’avorio del gelsomino e poi delicate sfumature di giallo, rosa, verde chiaro, e tocchi di rosso lampone.

Una collezione splendida, particolarmente evocativa ed equilibrata, in un crescendo di raffinatezza e bon ton d’altri tempi fino agli abiti finali in total white, tra pizzo all over, plissé e trasparenze, e una nuvola di piccole onde in tulle.

Di seguito una selezione di immagini dei modelli che più di tutti ho apprezzato.

Chi sono
Erica Ventura, fondatrice di StyleNotes.it, web writer, editor e blogger Amo il bello e provo a circondarmene in ogni aspetto della mia vita. Credo fermamente nell’utilità delle liste e che il mix vincente in ogni cosa sia composto da semplicità, equilibrio e un piccolo dettaglio a contrasto. La mia casa, il mio guardaroba e quel che metto nel piatto ne sono la conferma.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *