Style Things Ottobre

STYLE THINGS DI OTTOBRE: COSE DELL’ESTATE E NOVITÀ DI INIZIO AUTUNNO

La rubrica Style Things torna a ottobre dopo un po' di riposo con le mie cose preferite e la solita dose di fatti miei. Buona lettura!

Eccomi finalmente di nuovo a scrivere per la rubrica Style Things dopo qualche mese di pausa. Per questo, anche se è l’uscita di ottobre, inserirò alcune cose dell’estate trascorsa oltre alle novità di questa prima parte di autunno. Alla faccia di chi pensa già al Natale! 😀 Direi di iniziare subito con le Style Things di Ottobre.

Summer Style Things

L’estate è trascorsa lenta in città, con il consueto caldo ma con un periodo piuttosto breve di temperature insopportabili. Per il resto si è vissuto piuttosto bene, direi. Ho lavorato ininterrottamente al blog, ho continuato ad allenarmi con assiduità e ho fatto un massiccio decluttering in casa e nel mio guardaroba.

Il breve periodo (tra fine agosto e inizio settembre) che ho trascorso lontana da casa ha visto la Sardegna come scenario. Durante la prima settimana sono stata sulla costa nord-est, nel Golfo di Orosei. In breve ho buttato nel cestino tutte le buone abitudini acquisite e messe a punto dallo scorso autunno fino a quel momento: ho fatto sempre molto tardi la sera tra chiacchiere, musica, drink e clamorose vittorie a Cards Against Humanity, ho mangiato un po’ come capitava, mi sono fatta delle gran dormite non tanto la mattina ma nel pomeriggio. Ma non sono mancati bagni, tintarella (quella sempre poca, grazie) e gite in barca nelle più belle calette della zona.

A questo è seguito un weekend lungo a Villasimius, tra altre dormite spaziali (qui però andavo a nanna relativamente presto e non mi alzavo all’alba), parecchio mare, relax e ben due immersioni a Isola dei Cavoli e a Cala Caterina. Spettacolari! Se pensate di esservi persi qualcosa in merito, avete pienamente ragione e vi faccio un riassunto nel prossimo paragrafo in “Attività”.

Ultima cosa di settembre è stato il weekend in Costa Azzurra. In realtà sono stata solo a Cannes mezza giornata, giusto per partecipare al Salone Nautico. Il resto del tempo l’ho trascorso facendo un piccolo road trip tra Antibes e poi l’entroterra; ho alloggiato in una villa privata con piscina di una coppia francese appena fuori Auribeau-sur-Siagne e ho visitato i dintorni tra il paese e Pegomas, dove ho comprato baguette e ortaggi deliziosi in un mercato coperto di prodotti locali aperto la domenica mattina.

Attività

Avendo saltato gli appuntamenti con questa rubrica ad agosto e a settembre, se non mi seguite sui social vi manca un tassello perché qui non vi ho più aggiornati.

Ho preso il brevetto PADI Oper Water per immersioni fino a 18 metri di profondità. Ho fatto l’esame in due giornate tra Santa Margherita Ligure e Portofino poco prima di Ferragosto. Mi sono esercitata intensamente due volte a settimana per tutto il mese di luglio proprio perché volevo a tutti i costi conseguirlo prima di andare in Sardegna.

In questo modo, a due settimane dall’esame, ho potuto mettermi alla prova con delle immersioni che non erano più esercitazioni e neanche sotto la supervisione di un istruttore. Avevo la guida, sia per una questione di sicurezza mia essendo alle prime esperienze che per poter approfittare della sua conoscenza della zona in modo da vedere il meglio che offriva. Con questo brevetto, teoricamente, non ho bisogno di una guida subacquea per immergermi ma semplicemente di un compagno. Può essere chiunque con un brevetto pari o superiore al mio.

Ho visto un fondale meraviglioso che dalla superficie blu scuro non sospettavo minimamente: tanti pesci e un piccolo arco nella roccia per giocare ed esercitare l’assetto in modo da passare attraverso senza schiantarmici contro. Ho le prove di esserci riuscita con successo e potete verificare voi stessi qui.

Style Things Ottobre

Fitness

Ma veniamo alle Style Things d’autunno. Questo mese ho iniziato a fare le trazioni in palestra. Queste, per intenderci. Sono partita con la presa inversa come in video e con l’ausilio di uno spesso elastico che mi facilitava di molto il compito. Di recente sono stata promossa alla combo di due elastici che insieme mi facilitano meno del primo ma l’obiettivo è di arrivare presto ad utilizzarne solo uno (quello medio).

La soddisfazione è tanta, se penso che un anno fa guardavo con ammirazione fare gli stessi esercizi ragazze con almeno 10 anni meno di me e svariati chili in meno ma tanta forza in più. Se poi vi interessa conoscere più nel dettaglio i miei progressi vi rimando al mio bilancio di questo primo anno tra allenamento e alimentazione sana.

Visioni

C’è un sacco di roba per questa sezione di Style Things di ottobre perché essendo stata in città tutta l’estate ogni sera ho guardato un episodio di una serie tv. Pur non facendo orari d’ufficio, mi alzavo presto per andare in palestra alle 8, prima del caldo, e poi lavoravo tutto il giorno al blog. La sera avevo poca voglia di far festa e stavo volentieri sul divano. Detto questo, procediamo.

Ho commesso il grave errore di fare un rewatch di Bloodline nel mese di agosto. Lo avevo già visto anni fa e ne avevo parlato in un post su Facebook insieme ad altre serie tv (eccolo qui) ma guardarlo in estate è impegnativo. Perchè? È un thriller intricato, ambientato alle isole Keys (Florida) durante l’estate, il che significa caldo atroce e umidità alle stelle. L’afa e il sudore sono davvero palpabili, ben percepibili anche attraverso lo schermo e il senso di soffocamento per le temperature è almeno pari a quello generato dal mistero. Io ho amato molto questa serie e vi consiglio la visione ora che siamo in una stagione più fresca. La trovate su Netflix.

Sempre durante l’estate ho visto la terza stagione di Dark, preceduta da un rewatch delle prime due giusto perché è una serie un filino complessa da seguire. Se l’avete vista capite cosa intendo, altrimenti ve la consiglio vivamente perché è splendida ma armatevi di pazienza e anche di carta e penna per prendere appunti. Ne avrete bisogno! In breve, si tratta di una serie tedesca che parla di salti temporali tra passato e presente. Non vi dico di più perché ci sarebbe fin troppo di cui parlare ma fidatevi e guardatela assolutamente. Fosse anche solo per l’attore Oliver Masucci. Qui ne ho parlato a proposito della prima stagione.

Inspiegabilmente avevo dimenticato di parlarvi di una serie tv meravigliosa che ho guardato ben due volte nel giro di un mese. Ve ne avevo però parlato in una newsletter e sulla pagina Facebook (qui il post) qualche tempo fa ma non qui, dove delle mie parole resterà traccia più a lungo. L’ho scoperta per caso nel catalogo Netflix e la prima volta l’ho letteralmente divorata in un weekend, complice la febbre che mi ha tenuta in casa e a letto.

Si chiama Se non ti avessi conosciuto, è catalana e racconta di un uomo che perde moglie e figli in un incidente d’auto; grazie a una sconosciuta scienziata inizia a fare viaggi in universi alternativi per scoprire come sarebbe andata la sua vita se avesse fatto scelte differenti. Una storia straziante con un finale inaspettato che mi ha lasciata davvero emozionata e in lacrime. Consigliatissima!

La cosa più recente che ho visto è stata la miniserie di Amazon Prime Video Modern Love, ispirata dalla popolare e omonima rubrica del New York Times: in otto episodi di una mezzoretta ciascuno esplora l’amore in varie forme. In generale è una serie godibile e da vedere, in bilico tra commedia e genere drammatico, con un cast di tutto rispetto (Anne Hathaway, Andy Garcia, John Slattery, Ed Sheeran, Olivia Cooke cioè Emma in Bates Motel); in particolare i primi episodi parevano un po’ insignificanti ma poi il finale di ciascuno mi ha lasciata senza parole.

Discorso a parte per l’episodio 3 “Take me as I am, whoever I am“, nel quale la Hathaway interpreta brillantemente una trentenne bipolare alle prese con la vita quotidiana, una vita più complessa di quella della quale tutti noi ci lamentiamo ogni giorno sui social. Dico solo che ho pianto tutto il tempo.

Ascolti

Ultima cosa per queste Style Things. Ormai ascolto musica praticamente solo in palestra. Non prendo l’auto e poco anche i mezzi, quando sono al computer preferisco il silenzio (vicina molesta permettendo) mentre quando mi alleno amo isolarmi mentalmente dai rumori e dalle voci per concentrarmi meglio su quel che faccio.

Metto in loop alcune playlist che ho creato e aggiornato nel tempo ma di recente ho aggiunto due brani nuovi. Sono “Frisk” e “Woods” di Black Marble; si tratta di un progetto musicale statunitense formato nel 2012 a Brooklyn. Vorrei fare quella che ne sa di musica ma non è un genere che conosco. Mi sono innamorata di questi due pezzi, tutto qui. Ma ho fatto ricerche e se siete più esperti di me potrebbe interessarvi il fatto che si parli di cold wave e synth-pop. Questo è l’album It’s Immaterial, dove trovate entrambi i brani.

Style Things Ottobre


StyleNotes consiglia prodotti che ama in maniera genuina. Se compri qualcosa attraverso alcuni dei link presenti in questo post, potrei guadagnare una piccola commissione come affiliata (cosa che non va ad incidere sul prezzo finale che pagherai). Consideralo un modo per ringraziarmi di tutti i contenuti gratuiti che trovi su questo blog da anni.

Chi sono
Erica Ventura, fondatrice di StyleNotes.it, web writer, editor e blogger Amo il bello e provo a circondarmene in ogni aspetto della mia vita. Credo fermamente nell’utilità delle liste e che il mix vincente in ogni cosa sia composto da semplicità, equilibrio e un piccolo dettaglio a contrasto. La mia casa, il mio guardaroba e quel che metto nel piatto ne sono la conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *