TATUAGGI: GLI STILI DI TENDENZA TRA BOTANICO, MINIMAL, SFUMATO E GEOMETRICO

Tatuaggi Tattoo minimal geometrici botanici Pis Saro

Non sono un’esperta di tatuaggi e non ne ho neanche uno. Detto questo, mi sono sempre piaciuti e se non mi sono mai decisa a farne è stato per paura del dolore e di pentirmene in seguito. Poi un giorno mi sono trovata a dover intervistare un noto tatuatore milanese, Claudio Pittan; e lì mi si è aperto un mondo di immagini, colori e significati con lo stile giapponese tradizionale che lui pratica da anni.

Ecco, magari non una enorme carpa arancione circondata da una serie di altre raffigurazioni coloratissime e neanche i tribali che erano di moda quando io ero adolescente. Però se un giorno dovessi decidermi a marchiare la mia pelle potrei scegliere tra alcuni degli stili di tendenza in questi anni che mi attirano parecchio.

 

A post shared by @marla_moon on

I tatuaggi geometrici di ispirazione scandinava, in stile origami o “poligonale” sono composti da linee spezzate e possono avere un design semplice o più complesso e dettagliato, con anche l’aggiunta del colore. Particolarmente sobri e discreti sono quelli in versione micro, ancora meglio se privi di colore; possono essere piccoli simboli o sagome.

I tattoo botanici, se fatti da mani particolarmente esperte di questo stile, possono risultare molto realistici; non hanno contorni ma sono puro colore ben sfumato, quasi come tempera o acquerello sulla pelle, a seconda del grado di coprenza del colore.

Lo stile watercolor prevede sfumature e modulazioni sottilissime del colore e si presta ad essere applicato a una grande varietà di raffigurazioni; non è necessariamente riempitivo ma spesso fa da sfondo o contorno all’immagine principale.

Il fineline è uno stile delicato, molto femminile, all’apparenza semplice ma che non lascia spazio a errori perché è costituito da poche linee come fosse un disegno a mano libera a penna su un foglio bianco. Rende molto bene con raffigurazioni botaniche, in alternativa a quelle con colori sfumati, ma è piuttosto diffuso anche per parole o frasi in corsivo.

In questo ampio panorama spicca Pis Saro, una tattoo-artist originaria della Crimea che realizza raffigurazioni a tema botanico di grande realismo con splendide sfumature. È l’amore per viaggi e natura a ispirare i suoi tatuaggi; coltiva fiori e piante e prende spunto da ciò che vede in giro per il mondo.

 

 

A post shared by Pis Saro🍃 (@pissaro_tattoo) on

PlayGround Tattoo è uno studio coreano che ha sede a Seoul ed è specializzato in tatuaggi in stile fineline minimalista, di piccole dimensioni, dalle forme semplici e in gran parte realizzati con sole linee nere. Vere e proprie miniature eleganti e graficamente ben fatte

Marla Moon è una tatuatrice spagnola che lavora a Madrid; realizza tatuaggi esclusivamente in grigio e nero e spazia da raffigurazioni simboliche a botaniche fino a quelle geometriche, veri e propri origami.

 

 

A post shared by @marla_moon on

Mini Lau è una tattoo-artist di Hong Kong specializzata nello stile coreano, che mescola il fineline con il watercolor in tonalità pastello. I suoi lavori spiccano per la delicatezza, tanto che è difficile non innamorarsi subito dei suoi fiori e degli animaletti. Dietro a Sgushonka Tattoo c’è Masha, una giovane tatuatrice ucraina che vive e lavora a Lviv; spazia dalle raffigurazioni poligonali in stile origami a quelle botaniche, accomunate dalla colorazione watercolor.

[Foto di copertina: via Pis Saro]

 

A post shared by 🌸Mini Lau (@hktattoo_mini) on

 

 

A post shared by Masha (@_sgushonka_) on